Sensazioni strane post corsa: a chi di voi non è capitato dopo aver finito di correre? Il running è un sport che sottopone il nostro fisico ad un importante stress psico-fisico. Non parliamo di quelle più famose come la tendinite agli arti inferiori o agli arti superiori ma di piccoli-grandi fastidi che si manifestano in varie parti del nostro corpo.

Le sensazioni più strane

Sono tante e differenti tra loro e si manifestano in maniera irregolare. Specifichiamo che nella maggior parte dei casi non è nulla di preoccupante ma, se si manifestano assiduamente, è sempre meglio rivolgersi al proprio medico curante.

Ora analizziamo i piccoli fastidi post-corsa più frequenti.

Fastidi post corsa/Foto via Pixabay

Fastidi post corsa/Foto via Pixabay

Sapore di sangue in bocca

Una delle sensazioni più strane e preoccupanti che ogni runner ha provato almeno una volta nella vita. Non è per niente piacevole ma fortunatamente non è nulla di serio. Si deve al fatto che i globuli rossi liberano sostanze chimiche che presentano un sapore metallico, molto simile a quello del sangue.

Queste sostanze, componenti dell’emoglobina, sono principalmente costituite da ferro. Da questo viene il caratteristico sapore metallico. Questa “liberazione” avviene quando il corpo è sottoposto ad uno sforzo fisico. Il processo non è preoccupante ma, se costante, è sempre meglio rivolgersi al proprio medico di base.

Tosse forte

A chi di noi runner non è capitato, almeno una volta, che dopo una lunga corsa ci si senta “impossessati” da un’antipatica tosse? Un momento “strong” e, spesso, inquietante ma che ha una semplice spiegazione scientifica. Si tratta di una “bronco costrizione” ed è dovuto a che i muscoli intorno ai bronchi si contraggono involontariamente.

Non è un qualcosa di preoccupante, soprattutto se la tosse dura poco tempo. I polmoni sono muscoli che, con il tempo, riescono ad abituarsi ai livelli di stress e di fatica. Correre in inverno, con un alto tasso di umidità per esempio, possono favorire la bronco costrizione.

Sensazione di raffreddore

Si tratta della sensazione più comune e ricorrente. Il termine scientifico è rinite da esercizio ed affetta la mucosa nasale. La spiegazione è molto semplice: questa rinite è indotta dall’umidità e dalle particelle di polvere presenti nell’aria. Sicuramente avrete notato che tutto ciò non accade quando si corre su tapis roulant. Infatti quanto più l’ambiente è inquinato, tanto più il nostro naso inizierà a gocciolare.

Prurito

Altra sensazione abbastanza ricorrente: prurito generalizzato ma localizzato soprattutto negli arti inferiori. La causa è da riscontrare nel fatto che i capillari più superficiali si “aprono”. Al sentire il flusso del sangue l’essere umano prova una sensazione di prurito.

Fastidi post corsa/Foto via Pixabay

Fastidi post corsa/Foto via Pixabay

Necessità di “andare in bagno”

Quante volte, dopo una lunga corsa, siamo dovuti tornare a casa in fretta e furia per andare in bagno? E non per urinare bensì per defecare. Ed anche in questo caso la spiegazione è semplice: correndo stimoliamo moltissimo il nostro intestino. Quindi tranquilli, nulla di preoccupante!

E a voi? Vi è mai capitato di provare queste strane sensazioni non appena finita una corsa? Come abbiamo visto non è quasi mai nulla di preoccupante anche se può diventare un fastidio. Raccontaci le vostre esperienze…

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata