Quello di Monte Cengio è un nome indissolubilmente legato alla Spedizione Punitiva (Strafexpedition) attuata dai comandi austriaci tra il maggio ed il giugno del 1916. Gli imperiali condussero questa offensiva con grande determinazione arrivando a dilagare sulle Prealpi Venete: a fine maggio gli austroungarici si erano già impossessati di Asiago e dall’ Altopiano dei Sette Comuni trovandosi quasi spianata la via verso la Pianura Padana. Ma fu proprio sulle ultime creste montuose del vicentino che incontrarono un’ accanitissima resistenza.

DSCN3996

 

Il Cengio fu uno degli ultimi baluardi difensivi che Cadorna volle difendere senza risparmiare vite umane: per questo motivo inviò su quelle spoglie alture alcune divisioni di Granatieri (in maggior parte della sez. Sardegna).

Seppur inadeguatamente armati, malnutriti e con pochissime speranze di sopravvivere alla soverchiante ondata nemica i difensori resistettero fino all’ ultimo uomo ingaggiando anche furibondi corpo a corpo.

Ai primi di giugno del ’16 gli austriaci espugnarono la sommità ma con perdite così ingenti da trasformare il successo in una vittoria di Pirro. Ancor più ingenti furono le perdite italiane che raggiunsero cifre spaventose intorno alle 10.000 unità: tanto fu il prezzo per non far mettere piede agli austriaci nella Pianura Padana.
Prima della fine di giugno il Monte ritornò nelle mani dei vecchi occupanti senza colpo ferire.



DSCN4009

Oggi il Cengio è un Ecomuseo dalla cui visita se ne ricava un’esperienza di grande approfondimento storico. Le cose da vedere in questa area sono davvero tante e riguardano il formidabile complesso difensivo costruito dagli italiani dopo la riconquista. Appena rientrati in possesso del caposaldo si decise di realizzare una linea fortificata per la resistenza ad oltranza: un’opera imponente che ebbe sicuramente un effetto dissuasivo.

Nel 1967 è stata istituita la zona sacra con tanto di croce ed altare. Decisamente suggestivi dal punto di vista escursionistico sono i passaggi nei tunnel delle postazioni di artiglieria e le strade scavate nella roccia a precipizio: in particolare il punto noto come “Salto del Granatiere” un passaggio tra rocce ricordato per i tanti soldati precipitati nel vuoto nella furia dei combattimenti.
L’icona di questo itinerario è però la straordinaria statua realizzata con schegge di granata raffigurante un granatiere, situata a fianco della chiesa votiva.

lunghezza

Lunghezza percorso

8.36 Km

altitudine massima

Altitudine massima

0 mt

altitudine massima

Altitudine minima

0 mt

dislivello positivo

Dislivello positivo

0 mt

dislivello negativo

Dislivello negativo

0 mt

etichetteIdeale per: mountain bike

etichetteClassificazioni: Montagna, Offroad

lunghezza

Lunghezza percorso

28.36 Km

altitudine massima

Altitudine massima

1294.07 mt

altitudine massima

Altitudine minima

232.3 mt

dislivello positivo

Dislivello positivo

1156.85 mt

dislivello negativo

Dislivello negativo

1182.81 mt

etichetteIdeale per: mountain bike

etichetteClassificazioni: Mountainbike-only

Salva

Informazioni sul percorso

Partenza:

Arrivo:

Sicurezza:

Tipo di percorso:

Difficoltà tecnica:

Difficoltà fisica:

Periodo:

Panorami:

Curiosità:

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata