La discesa della Luppia è un tratto che fa curriculum: portarla a termine senza appoggiare il piede a terra equivale ad un dottorato in MTB.

A rendere irrinunciabile questo itinerario non c’è solo l’adrenalina ma anche panorami tra i più spettacolari che il grande lago possa offrire a quote così basse: indimenticabile è lo spettacolo che si ammira dal crinale della Luppia su punta San Vigilio.

DSCN6133

Il percorso si svolge a ridosso di una insenatura del lago formata dalle ultime pendici del Monte Baldo. Seppur sovrastata da imponenti catene montuose che la fanno sembrare un gruppo di collinette, questa zona non deve essere sottovalutata dal punto di vista escursionistico: molte zone sono impervie e selvagge, caratterizzate da una fitta macchia mediterranea. A farla da padrona è soprattutto la natura rocciosa: nell’ ultima salita un tratto con sassi smossi farà parecchio penare le gambe, mentre nelle discese, in particolare nel segmento finale che è decisamente trialistico, darà la massima soddisfazione a chi ama saltare come un camoscio su sassi e lastroni.

DSCN6136

Dal punto di vista artistico merita senza dubbio una visita la chiesa parrocchiale di San Zeno (XVIII sec) con rilevanti sculture in marmo inserite in nicchie sulla facciata.

DSCN6115

lunghezza

Lunghezza percorso

29.23 Km

altitudine massima

Altitudine massima

0 mt

altitudine massima

Altitudine minima

0 mt

dislivello positivo

Dislivello positivo

0 mt

dislivello negativo

Dislivello negativo

0 mt

etichetteIdeale per: mountain bike

etichetteClassificazioni: Mountainbike-only

Informazioni sul percorso

Partenza:

Arrivo:

Sicurezza:

Tipo di percorso:

Difficoltà tecnica:

Difficoltà fisica:

Periodo:

Panorami:

Curiosità:

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata