In un paesaggio dove le cime dolomitiche regnano incontrastate,gli spettacoli naturali che ci vengono offerti lasciano sempre a bocca aperta. Ci troviamo tra la Val Gardena e l’Alta Badia (Alto Adige) .
Lech dl Dragon è un lago proglaciale risalante all’ultima glaciazione,circa 10.000 anni fa, con la caratteristica di sparire e ricomparire durante gli anni,scomparso negli anni 70′, infatti, ricomparve poi nel 2000. Questo meraviglioso lago si crea per l’apertura di un ghiacciaio (profondo intorno ai 40 metri) coperto dai detriti che provengono dalle montagne sovrastanti.

IMG_9689-min

IMG_9700-min-min
Oltre che da un’interessante geologia questo lago è avvolto da una simpatica leggenda Ladina che narra di un maestoso drago che dimorava all’interno di questo lago. Durante le notti di luna piena,il drago usciva dall’acqua e i suoi ruggiti erano così forti da sentirsi fin a passo Gardena ed alle Alpi di Mastlè.

IMG_9695-min
Il sentiero che ci porta a questo luogo leggendario si prende da Passo Gardena ed è il numero 666 che porta all’Utia Pisciadu (di cui ho già parlato in “Ütia Pisciadu via ferrata fino a Piz Boè” e una volta giuntì sulla Val di Setus (alla fine della piccola via ferrata) si segue il sentiero 667 . Questo sentiero si presenta abbastanza ostico ed è consigliabile procedere con cautela. Al ritorno seguire il sentiero dal quale si proviene poichè la continuazione è consigliabile SOLO a rocciatori molto esperti.

IMG_9733

 

lunghezza

Lunghezza percorso

1.01 Km

altitudine massima

Altitudine massima

2657 mt

altitudine massima

Altitudine minima

2609 mt

dislivello positivo

Dislivello positivo

48.6 mt

dislivello negativo

Dislivello negativo

0.6 mt

etichetteIdeale per: hiking

etichetteClassificazioni: Montagna

Informazioni sul percorso

Partenza:

Arrivo:

Sicurezza:

Tipo di percorso:

Difficoltà tecnica:

Difficoltà fisica:

Periodo:

Panorami:

Curiosità:

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata